La storia dell’Ente può essere riassunta in tre periodi:

  • dalle origini al 1984
  • dal 1984 al 1990
  • dal 1990 ai giorni nostri

DALLE ORIGINI AL 1984
Le origini del Centro Servizio Anziani di Chioggia (C.S.A.) risalgono al diciottesimo secolo, è nata dall’unione delle Case di ricovero che si trovavano a Palazzo Ravagnan con l’Opera Pia “Ca’ di Dio” (maschile e femminile).
Queste strutture erano costituite da persone povere che non avevano una famiglia a supporto della loro condizione, venivano ospitate, cercando di riprodurre il calore famigliare con un forte significato umano e solidaristico.

DAL 1984 AL 1990
In questo periodo si assiste ad uno sviluppo in tutto il settore dei servizi sociosanitari, anche in ragione del processo di regionalizzazione dell’assistenza. Il C.S.A. diviene “Ente Istituzionale”. La cura degli anziani diventa una problematica istituzionale; il concetto di non autosufficienza determina nuovi sforzi progettuali dovuti ad una nuova disabilità, più variegata e complessa. L’aspettativa di vita aumenta, ma con essa anche le patologie croniche e le condizioni di non autosufficienza. Si affronta la complessità attraverso l’assunzione di nuove figure professionali.

esterno
arcobaleno
centro1
interno

DAL 1990 AI GIORNI NOSTRI
Il periodo dal 1990 ad oggi consolida il processo in atto e segna l’apertura dei servizi anche a fasce di popolazione diverse, soprattutto a ceti abbienti, che per anni avevano scelto altre case di riposo fuori del territorio comunale. L’apertura della Residenza Arcobaleno e l’integrazione con il territorio contribuiranno a creare un’immagine diversa del C.S.A. Dal punto di vista dei processi sociosanitari, si cerca di assicurare i progetti e gli interventi, privilegiando l’integrazione di tutte le figure presenti, nell’ottica della promozione e della tutela della salute delle persone anziane.
Nel 1997 l’avvio del Centro Diurno per anziani non autosufficienti rappresenta l’impegno concreto e più significativo posto in atto dall’Ente per potenziare il processo di apertura al territorio, per diversificare la gamma dei servizi e per rispondere alle molteplici richieste in un territorio caratterizzato da un’insufficiente rete di servizi per gli anziani.
Nel 2009 il Consiglio di Amministrazione, ha proposto alla famiglia Casson di legare il nome dell’Ente alla figura del prof. Felice Federico Casson (1930-1993) che, per molti anni, ha rappresentato il riferimento valoriale e operativo della sanità a Chioggia.
Così è nato il nuovo nome. Si è deciso inoltre di eliminare il riferimento all’Istituto, che faceva intendere ricordi legati al passato e alle istituzioni di ricovero. Oggi le strutture residenziali per anziani sono moderni centri che offrono una pluralità di servizi ed attività nella cura degli anziani. Da qui si è affermata la denominazione CENTRO SERVIZI ANZIANI DI CHIOGGIA. Il cambio del nome non è un’operazione di marketing, ma un segno tangibile che certifica gli enormi cambiamenti avvenuti nel nostro settore.
Il nuovo logo del Centro Servizi è una libellula perché è un’immagine di leggiadria per i suoi tratti fini e cortesi, ma è anche simbolo di maturità. Nell’arte questo animale simboleggia la forza, il coraggio e la gioia.

Top